Social network
img
Archivio articoli

Questa foto rappresenta lo stato di un tombino sito alla fine di via Martin Luther King, prima che diventi via Imperatore Federico, all’altezza della rotonda con via Anwar Sadat, davanti la fiera del mediterraneo.

Il tombino probabilmente deve essere sprofondato, magari perché di sopra vi è passato un mezzo pesante. Data la pericolosità dello stato di cose sarà stata chiamata una squadra dell’ente proprietario del tombino stesso e questa avrà trovato adeguato… mettere un cartello per avvisare del pericolo! Meglio di niente per carità! Ma questa situazione dura da almeno un paio di mesi! Possibile che nel giro di un tempo così lungo non si sia trovato un tombino da montare in luogo di quello vecchio?

Io credo di sì, ma temo che nello svolgere lavori pubblici ci sia un po’ di… lassismo.

E questo pessimismo mi deriva dal fatto che in giro per la città vedo tante situazioni che dovrebbero essere per loro natura temporanee e invece diventano definitive fino a scomparire nel nulla, nell’indifferenza e nel dimenticatoio.

Esempio: pulizia delle strade e dei tombini dalle foglie degli alberi che potrebbero (potrebbero?! E’ soltanto un’ipotesi?) causare un tappo sulle griglie di scolo in occasione delle piogge invernali e autunnali. I margini delle strade sono così abbellite da simpatici cumuli di fogliame secco in attesa che arrivi un’altra squadra rispetto quella che le ha raccolte. Puntualmente la squadra non arriva, fanno prima la pioggia e il vento; la domanda sorge spontanea: ma davvero occorre un’altra squadra per raccogliere le foglie?

Altro esempio: si apre un cantiere, di quelli piccoli, tipo tombini sfondati, piccole buche nell’asfalto, marciapiedi rotti e si mette la segnaletica con le staffe rosse e bianche e il cartello di indicazione per evitare il trabocchetto, quello dei lavori in corso. Quando, dopo tanto, ma tanto, tempo, la riparazione viene fatta (se viene fatta) e il piccolo sistema di segnalazione del pericolo rimane là, nella migliore delle ipotesi viene rubata (ma per farsene che?) nella peggiore, buttata a lato e magari schiacciata da un qualche mezzo stradale (vedasi quello che ne rimane in via cardinale Rampolla sul lato destro della strada).

Mi chiedo io: perché? Perché quando una squadra di operai, di qualsiasi municipalizzata faccia parte non importa, deve svolgere un compito non lo porta a termine e lo fa, invece, a metà? Eppure non ci vuole tanto a capire che se devi pulire la strada, oltre a mettere la munnizza a lato della strada devi anche portartela via altrimenti il tuo lavoro non sarà valso a nulla!

Se si viene chiamati per lavorare sopra una buca non si deve ritenere esaudito il proprio compito semplicemente con l’avere messo una piccola segnaletica che indichi il pericolo! Bisogna riparare la buca!

Se il tombino due mesi fa è sprofondato, va bene temporaneamente mettere un avviso di pericolo, ma dopo un ragionevole tempo (quello di attesa che arrivi un pezzo di ricambio, per esempio) bisogna eliminare il pericolo e ripristinare lo status quo ante (cioè lasciare il luogo dove si è lavorato come non si fosse mai presentato il problema)!

Quello che mi chiedo, in ultimo, è: trattasi di un problema che deriva dalla lagnusìa dei lavoratori, dai contratti di lavoro o, ancora, dalla ripartizione delle mansioni fatta delle stesse società?

3 risposte a Il tombino scoperchiato di via Martin Luther King

  • Faber Identicon Icon Faber scrive:

    perchè i commenti scritti non vengono visualizzati!?????

  • Faber Identicon Icon Faber scrive:

    c’è un tombino in via olanda che da un anno ormai è abbandonato alla sua dolce transenna e nessuno si è mai occupato di lui, di sistemarlo.

    ricordo anche con amarezza [ma qui la faccenda non implica solo il comune] la transenna per arginare ed evitare la caduta di un muro lungo una 50ina di metri in viale reg. siciliana cosria laterale direzione messina, tra via perpignano e l’ospedale villa serena. che schifo e che tristezza vedere queste piccole cose abbandonate, e le piccole cose creano una grande città di m***a.

  • Faber Identicon Icon Faber scrive:

    non ci voglio ncredere, non mi pubblicava il commento per via di una parolaccia!?!??! = O che tristezza se così è dai su… [potete anche eliminare questo ed il primo commento se volete, grazie]

Lascia un Commento

Demetra a r.l. | P.Iva: 06000720828
Sondaggio

Palermo vive tra la sporcizia: di chi le maggiori colpe?

View Results

Loading ... Loading ...
Jolas Rem
(lunedì, set 1, 2014 09:43 AM)
Segnalo questo interessante articolo sulla nuova rete tranviaria di Besançon. Molti gli spunti di riflessione. Naturalmente poco paragonabile a Palermo… http://www.ferrovie.it/ferrovie.vis/timdettvp.php?id=1202
franco.mamone
(lunedì, set 1, 2014 09:46 AM)
Ma interrare completamente il percorso dentro la favorita interrare con tunnel da lato fiera,piazza leoni e uscire oltre i cancelli verso mondello sarebbe chiedere troppo.
Cosi la favorita diventerebbe un vero parco
Irexia
(lunedì, set 1, 2014 08:12 PM)
Mi auguro che, dato l’imminente autunno e le piogge di fine estate, si sia provveduto a pulire le bocche di ingresso delle fogne dalle foglie al fine di evitare allagamenti!
peppe2994
(martedì, set 2, 2014 09:08 AM)
E Viale Regione. Ci sono aghi di pino ovunque!
tbone
(martedì, set 2, 2014 06:37 PM)
Per mediomen – che schifo…

1 · 2 · 3 · 4 · 5 · »
Devi essere loggato per inviare un commento
Ultimi commenti
  • palermoimprenditrice { Ma quindi è sicuro il prolungamento fino in via ernesto basile? A mio avviso la ... } – set 02, 8:54 PM
  • mediomen { non si può fare un paragone bus tram, sono due cose differenti, il tram si ... } – set 02, 8:27 PM
  • antony977 { Sono dati ufficiali. 17 sono quelle complessive. } – set 02, 6:01 PM
  • peppe2994 { Utilizzo di 8 vetture? Credeteci pure... } – set 02, 5:38 PM
  • antony977 { Peppe2994 la linea 1 sarà quella con maggiore frequenza in quanto avrà l'utilizzo di 8 ... } – set 02, 4:52 PM
  • Older »
Info Traffico
Il primo viaggio del tram di Palermo
Meteo
_________________